Eppur si muove

monacoLa città di Monaco di Baviera, nota per il passaggio della propria struttura IT amministrativa all’open source GNU/Linux, con la distribuzione sviluppata su misura per la pubblica amministrazione di Monaco LiMux, derivata da Ubuntu con desktop KDE e dotata della suite per ufficio LibreOffice, ha eliminato totalmente la dipendenza da Microsoft Windows.

Oggi si ha notizia, che il comune di Monaco di Baviera in previsione della cessazione del supporto da parte di Microsoft per il sistema operativo Windows XP, previsto entro aprile 2014, ha proposto ai propri cittadini, di migrare il sistema operativo – installato sui propri computer – da XP a Lubuntu, una distribuzione derivata da Ubuntu che utilizza lxde, un desktop environment particolarmente leggero e adatto per PC datati con poche risorse hardware, può operare con soli 256Mb di ram. La scelta di proporre Lubuntu è stata favorita anche per la particolare somiglianza con l’ambiente di Windows XP, questa caratteristica renderebbe il passaggio al nuovo sistema operativo Lubuntu, meno traumatica.
Il progetto sarà avviato con un finanziamento di soli 4.000,00 euro, per fornire la cittadinanza di ben 2.000 CD gratuiti, masterizzati con il sistema operativo Lubuntu 12.04 LTS per sostituire il vecchio sistema operativo.
La proposta è stata accolta con entusiasmo in consiglio comunale, la distribuzione dei CD alla cittadinanza è prevista in occasione di un evento organizzato in città, nel corso del prossimo anno.
Una lodevole iniziativa, che si spera, sia d’esempio per altre realtà anche nel nostro paese.
La proposta di sistemi operativi open source come Linux in sostituzione di sistemi operativi proprietari, porterebbe un vantaggio economico – e non solo – a molte famiglie, evitando di sborsare qualche centinaia di euro in licenze d’uso.

proposta di Monaco in PDF
di Angelo Oggioni, 24 giungo 2013CClicenza